Tappeti Tabriz: Storia E Caratteristiche

Tabriz Seta
Tabriz Con Inserti In Seta | 200 x 150 cm.

I tappeti Tabriz sono tra i più apprezzati e di maggior valore all’interno della gamma di tappeti persiani di cui fanno parte. Come abbiamo già raccontato nel nostro blog questi manufatti prendono il nome dalla città in cui originariamente sono stati creati. I primi esemplari, secondo dati storici, risalgono già dal 200 d.C., ma la produzione si intensificò principalmente sotto l’impero dei Safavidi, ossia dopo il 1500. Sono proprio di questo periodo i Tabriz dal valore economico maggiormente elevato, molti dei quali, ancora oggi, sono conservati in alcuni dei più importanti musei del mondo di varie città, da Londra a New York.

La città di Tabriz si posiziona all’interno dell’attuale stato dell’Iran e più precisamente nella provincia denominata Est Azerbaigian, al confine, appunto, con la Repubblica dell’Azerbaigian e l’Armenia. Allo stato attuale si contano più di 60.000 unità di produzione legate strettamente alla produzione di tappeti all’interno di questa provincia; questo permette di impiegare più di 200.000 persone. Secondo recenti stime il 70% dei tappeti esportati dall’Iran proviene proprio da questa area.

Caratteristiche dei manufatti Tabriz?

Tappeto Tabriz Nero Con Figura A Medaglione.

Comunemente i tappeti Tabriz dispongono di una zona centrale in cui vi è inserita una figura a medaglione la quale è circondata esternamente da arabeschi, salici piangenti, cipressi o motivi floreali. Un altro disegno tipico di questi elementi d’arredo è rappresentato dalle quattro stagioni le quali rappresentano la vita dei pastori persiani durante primavera, estate, autunno e inverno. Non sono insolite inoltre rappresentazioni di antichi palazzi e rovine oppure la presenza, lungo i lati del manufatto, dei 4 più noti poeti persiani: Sadi, Hafez, Ferdowsi e Omar Khayam.

Tabriz-inserti-seta
Tappeto Tabriz Con Inserti In Seta Di Colore Bianco.

Questa tipologia di prodotti oggigiorno è presente sul mercato nei più svariati colori, dal blue, al rosso o con tonalità più tenui o ricercate, dal marrone, all’avorio, svariando fino al verde. La qualità di questi ornamenti tessili, e il prezzo, varia a seconda del materiale impiegato. Come nella maggior parte dei tappeti i materiali utilizzati sono cotone, lana e seta. Quest’ultimo elemento molto spesso viene utilizzato per definire più dettagliatamente e finemente la trama all’interno dell’ opera. La seta, inoltre, conferisce lucentezza al tappeto stesso ed è infatti uno di quegli elementi che, se presente, viene facilmente riconosciuto ad occhio nudo anche dai meno esperti. Ovviamente i tappeti con inserti in seta hanno un valore più elevato di quelli solamente composti di cotone e lana.

Tabriz 60 Raj? Che cosa rappresenta questa sigla?

Vi potrebbe essere capitato di essere entrati in un negozio di forniture orientali e aver intravisto questa sigla al fianco della scritta Tabriz. Ma a che cosa si riferisce? Essa si rifà molto semplicemente al numero di nodi presenti in un’ampiezza di 70 mm, il che, tradotto per i non appassionati di matematica, significa:

  • 40 Raj→ 400-500.000 nodi per m².
  • 50 Raj→ 500-600.000 nodi per m².
  • 60 Raj→ 600-800.000 nodi per m².
  • 70 Raj→ 800-1.000.000 nodi per m².

Come si può facilmente evincere da sé, più elevato è il numero di nodi presenti, più complesso e pregiato è il tappeto. Oggigiorno i Tabriz 70 Raj sono estremamente rari e altrettanto pregiati.

La qualità e bellezza senza tempo di questi prodotti hanno fatto sì che i tappeti Tabriz abbiano sempre occupato una posizione di rilievo all’interno delle collezioni del nostro negozio “Fantasy Carpets” di Zanè, Vicenza. Se desiderate avere altre informazioni potete contattarci oppure venite a visionare in prima persona la vasta gamma di prodotti a vostra scelta. Vi aspettiamo!

SLOGAN def